Cosa scegliere per il proprio cane?

Il giusto apporto di nutrienti, i cibi da evitare, ciò che il nostro organismo fa fatica ad assimilare o digerire sono considerazioni utili anche quando ci si presta a scegliere il cibo migliore per il proprio cane. Oggi sappiamo anche che per la salute del cane è opportuno integrare la dieta proteica con minerali, vitamine e fibre.

Che cosa mangerebbe l’erede biologico del lupo in natura?

Di sicuro non glutine di grano, cereali e additivi chimici. Mangerebbe prede di piccole e medie dimensioni: polli, conigli, erbivori più grandi. E ne mangerebbe ossa, carne e interiora favorendo così l’igiene dentale e assumendo tutti i nutrienti di cui ha bisogno.

Proprio da qui nasce il concetto della dieta BARF che nel nome trova la sua spiegazione: “Biologically Appropriate Raw Food” ovvero cibo crudo, biologico e adatto al sistema digestivo del cane.

Quasi una vera e propria filosofia: rispettare i principi nutrizionali del cane nel modo in cui si alimenterebbe nel suo ambiente naturale, in maniera semplice e con molti vantaggi.

La dieta BARF non è un tipo di alimentazione che si improvvisa o si propone al proprio cane senza conoscere le sue necessità e abitudini alimentari. Ovviamente ci si può rivolgere al proprio veterinario, che conosce la storia dell’animale, il suo stile di vita e le sue esigenze.

Lascia un commento